15 maggio 1985: Everton in cima all’Europa


everton85.jpgIl 15 maggio del 1985 l’Everton vince la Coppa delle Coppe Europee battendo nella finale di Rotterdam il Rapid Vienna.Fu una cavalcata entusiasmante quella della squadra allenata da Howard Kendall. Gli avversari affrontati venivano, a mano a mano, eliminati in un crescendo rossiniano.L’avventura ha inizio il 19 settembre 1984 dalla vicina Dublino. In un Tolka Park gremito di oltre 10 mila persone i Toffees affrontano lo University College Dublino. La partita si conclude col punteggio di zero a zero. Due settimane dopo a Goodison Park basta un gol di Greame Sharp al 10° minuto del primo tempo per chiudere i conti. Al secondo turno i “Kendall Boys” affrontano l’Inter Bratislava. L’andata si disputa nell’allora Cecoslovacchia il 24 ottobre 1984 con l’Everton che s’impone per 1-0 grazie a un gol di Paul Bracewell. Il ritorno del 7 novembre a Goodison è accademia: Adrian Heat, Greame Sharp e Kevin Sheedy firmano il 3-0 finale. Dopo la consueta pausa invernale le coppe europee riprendono a marzo con i quarti di finale. L’Everton sulla sua strada trova i pericolosi olandesi del Fortuna Sittard che negli ottavi avevano eliminato il temibile Wisla Cracovia. L’andata si disputa a Liverpool, mercoledì 6 marzo 1985. La partita, difficile, si trasforma in una cavalcata, la tensione si scioglie e diventa festa. I timori della vigilia vengono spazzati via da una prestazione strepitosa di Andy Gray che firma l’ hat-trick che sigilla il trionfo: 3-0. Il ritorno in Olanda si presenta in discesa dove l’unica preoccupazione è quella di un calo di concentrazione. Ma questo Everton non concede nulla agli avversari come a sé stesso e vince anche a Sittard con i gol di Peter Reid e Greame Sharp. I Toffees approdano così alle semifinali del torneo dove, tra le quattro squadre, si aggira uno spauracchio che tutte vogliono evitare: il Bayern Monaco di Jean Marie Pfaff, Dieter Hoeness, Klaus Augenthaler, Lothar Matthaeus. Un Bayern che, fino a quel momento, aveva triturato tutti gli avversari che gli si erano parati davanti. Dai norvegesi del Moss fino alla Roma, battuta sia all’Olimpico di Monaco che in quello di Roma. E chi volete sia stato a beccarsi in sorte il Bayern? Esatto, proprio la squadra che avete pensato.
 
La gara di andata si disputa mercoledì 10 aprile 1985 in un Olympia Stadion gremito di 70 mila spettatori. In match è difficile, la squadra di Kendall soffre la costante pressione dei bavaresi, ma resiste. Tiene fino alla fine e il risultato finale dice 0-0. Per il Bayern è il primo pareggio in questa competizione. La sfida di ritorno si disputa il 24 aprile in un Goodison Park da brividi. Oltre 50 mila tifosi gremiscono all’inverosimile l’impianto. Un’atmosfera unica.
La partita si presenta difficilissima, e pare addirittura proibitiva quando Dieter Hoeness, al 37° minuto, porta in vantaggio i tedeschi. Ora i Blues se vogliono arrivare in finale devono fare almeno due gol nei restanti 45 minuti. Durante l’intervallo Howard Kendall non fa scenate. Non urla in faccia ai suoi giocatori. Fa semplicemte sentire alla squadra i cori dei 50 mila innamorati che giungevano fin dentro gli spogliatoi. Si doveva vincere per loro, o almeno provarci. E qui scatta la molla. L’Everton che ritorna in campo è un’altra squadra rispetto a quella del primo tempo. Lotta, pressa, non da respiro ai bavaresi. Greame Sharp, Andy Gray e Trevor Steven firmano quella che passerà alla storia come la Grande Notte di Goodison. Una rimonta leggendaria compiuta in un stadio leggendario. 3-1 e tedeschi eliminati.
 
Il Popolo Evertoniano si prepara a invadere Rotterdam per la finale. 25 mila tifosi seguono i Toffees speranzosi di vincere la coppa e non solo. Molti di loro parlano di “treble”, ovvero vincere tutte le competizioni alle quali si partecipa: Campionato, FA Cup e Coppa delle Coppe. Infatti l’Everton che si appresta a disputare la finale aveva appena vinto il campionato ed era in finale di FA Cup. Un dominio assoluto, insomma, per quella che viene ormai considerata la squadra più forte d’Europa. Ma prima bisogna battere il forte Rapid Vienna che nel suo cammino europeo ha già estromesso avversari del calibro di Celtic Glasgow e Dynamo Dresda.
Ma il 15 maggio di 25 anni fa l’Everton aveva una marcia in più rispetto a qualsiasi avversario e anche gli austriaci caddero sotto i colpi di Andy Gray (capocannoniere del torneo con 5 reti) Trevor Steven e Kevin Sheedy per un altro 3-1 finale che non ammetteva repliche. Vale la pena di ricordare i protagonisti di quella serata storica: Southall, Stevens, Van den Hauwe; Reid, Mountfield, Ratcliffe; Steven, Sharp, Gray; Bracewell, Sheedy. Allenatore: Kendall. Per le strade di Rotterdam e di Liverpool era grande festa. L’Everton campione d’Inghilterra saliva anche sul tetto d’Europa per un “double” leggendario che non divenne treble solo per un’invenzione di quel fuoriclasse che era Norman Whiteside che regalò nei tempi supplementari la FA Cup al Manchester United. Un Everton fortissimo, insomma, che si apprestava a disputare la Coppa dei Campioni da favorito, rinforzandosi, per quanto fosse possibile, con l’arrivo dell’astro nascente del calcio inglese: Gary Lineker. Il resto della storia la conosciamo. Onore ai Ragazzi di Kendall. Onore all’Everton ’85.
 
 
Christian Cesarini

Christian Cesarini

Grande esperto di Calcio Inglese e autore di due Best Seller: English Football Days e Swinging Football
Christian Cesarini

Latest posts by Christian Cesarini (see all)

Articoli correlati